A cosa serve la cipria, quante tipologie esistono e come sceglierle in base alla tua pelle.

Ciao a tuttiiiiiii! Bentornati con un back to the basic, oggi faremo un po’ di chiarezza sulle ciprie, eheh queste sconosciute facilmente detestabili!! Tantissime persone lo “SNOBBANO“, ma indubbiamente questo prodotto è indispensabile per la buona riuscita di un make-up! Avete voglia di conoscerla meglio?? Andiamo!

Cos’è la cipria e a cosa serve?

Semplicemente è un cosmetico, che ha lo scopo di fissare il trucco. Come fa? I suoi ingredienti principali come mica e silica, aventi potere assorbente, creano una barriera, allo scopo di tener fermi i prodotti in crema, che altrimenti si sposterebbero, anche a causa del calore naturale della pelle. E’ indispensabile? In alcuni casi assolutamente si, come nel caso di pelli grasse ed oleose!

Ma consiglio di usarla sempre, almeno per fissare i prodotti molto cremosi, che essendo spesso, composti da una buona percentuale di parti grasse (come gli oli), non riescono ad asciugarsi autonomamente sul viso. Come fare a trovare quella giusta? Se avete intenzione di comprare una cipria, dovete prima conoscerle tutte perciò continuate a leggere!

Quanti tipi di ciprie esistono?

Forse anche troppi, tanti da crearci confusione! Andiamo per gradi… possono essere classificate in base alla consistenza e quindi compatte o polvere libera, la differenza sta nella praticità di utilizzo e nella grana delle polveri.
Quelle in polvere libera sono solitamente più sottili e fini, ma più scomode da portare in giro.
Quelle compatte, hanno una grana leggermente più spessa, ma sono comode da mettere in borsetta per eventuali ritocchi.
Poi esistono trasparenti o colorate! Quelle trasparenti non alterano il colore di fondo del make-up (tranne quelle HD di cui parleremo tra poco), quelle colorate possono essere invece utilizzate per correggere il colore del fondotinta o semplicemente per uniformare ancora di più l’incarnato. Infine le possiamo dividere in base al loro finish, andiamo a vedere le principali tipologie, ognuna per una specifica esigenza.

Ciprie opacizzanti/matte

Chi ha la pelle oleosa, grassa o mista, sicuramente conoscerà questo prodotto, è letteralmente un salvavita in questi casi! Infatti oltre a fissare il trucco, queste ciprie assorbono il sebo che viene prodotto durante la giornata. Danno un effetto opaco e uniformano l’incarnato, levigando i pori e minimizzando le imperfezioni. Sono adatte appunto a pelli grasse e miste, per tenere a bada la lucidità dovuta alla produzione di sebo. Oppure, nelle grandi occasioni per assicurare una tenuta del make-up super long lasting.

Cipria trasparente HD

Sono delle ciprie in polvere libera o compatte, composte per lo più da silica, che ha un potere riflettente. Questo tipo di ciprie vengono utilizzate a scopo professionale, soprattutto in shooting fotografici e red carpet. Se non utilizzate con sapienza e parsimonia potrebbero sbiancare l’incarnato e addirittura creare un alone bianco in foto, infatti non è adatta al baking. Tantissime case cosmetiche propongono questo prodotto, ma personalmente, per la sua particolarità, non ne farei un utilizzo giornaliero a causa di questa sua pecca.

Ciprie idratanti/luminose

Si chiamano idratanti, ma non perchè abbiano effettivamente questa funzione! Allora perchè questa dicitura? Beh semplicemente perchè sono perfette per pelli secche, in quanto il loro finish è sottilissimo ed impalpabile, inoltre, non creando un effetto matte, non segna le rughette o i segni di espressione. Le ciprie idratanti sono indicate appunto per pelli secche, agée oppure per fissare i prodotti nella zona del contorno occhi che, tende ad essere quasi sempre segnata o comunque più arida delle altre zone del viso. Si limitano a fissare i prodotti in crema creando una barriera, ma non hanno potere assorbente come le ciprie opacizzanti, per cui non sono ideali ad essere utilizzate su tutto il viso in caso di pelle molto grassa ed oleosa.

Tra queste rientrano anche le banana powder, ciprie sottilissime, ideate appositamente per la zona contorno occhi, che essendo gialline, illuminano lo sguardo.

Ben Nye, Banana Luxury Powder

Ciprie illuminanti

Da non confondere con le luminose, queste sono delle ciprie con vero e proprio potere illuminante, contengono infatti particelle che riflettono la luce. Anche queste sono adatte a pelli molto secche e non avendo potere assorbente, non hanno un vero e proprio potere fissativo del make-up. Possono essere utilizzate su un fondotinta molto secco per donare luminosità, oppure se non si amano gli illuminanti veri e propri, può essere una valida alternativa che riesce a donare una discreta luminescenza al viso ed un effetto radioso. Sono fantastiche in estate, utilizzate sul viso abbronzato, privo di fondotinta, per un discreto effetto glow.

Ciprie siliconiche

Le cito ma sono ad uso prettamente professionale, si presentano con una consistenza solida e vengono utilizzate nelle grandi occasioni per opacizzare, riempire rughette e segni di espressione.

Madina, Cristal Powder.

Ed ed eccoci alla fine del post! Queste sono le varie tipologie di ciprie esistenti sul mercato. Credo comunque che la scelta della cipria rimarrà sempre molto personale e soggettiva! Anche voi, come me, la considerate un prodotto fondamentale? Spero che i miei consigli possano esservi di aiuto nel trovare la cipria che vi fa battere il cuore, ci vediamo presto nel prossimo beauty post!! Un bacio!