Come identificare il sottotono della pelle
Credits: project-humanae-angelica-dass

La risposta definitiva a cos’è il sottotono della pelle e i trucchi degli esperti per riconoscere il tuo

Ciao! Sono Monia, make-up artist e content creator. In questo articolo tratteremo un po’ di domande relative al sottotono della pelle, che sembrano trovare sempre risposte abbastanza confuse.

Io voglio portarti un po’ di chiarezza e parlartene in maniera semplice ma dettagliata. Lo scopo di questo articolo è riuscire a capire in modo definitivo che cos’è il sottotono della pelle, a che serve e perché è utile riconoscere il tuo, quanti tipi di sottotono conosciamo, ma soprattutto come si fa ad identificare il proprio.

Ti farò degli esempi con info-grafiche, che ho creato utilizzando le foto di un progetto fotografico a dir poco unico e geniale, messo in piedi dell’artista Angélica Dass, una fotografa che ha viaggiato il mondo catturando ogni tonalità della pelle in stile pantone.

I soggetti sono circa 4000 provenienti da 20 diversi paesi e 36 diverse città del mondo ed il progetto, mira documentare i veri colori della pelle che si mostrano infiniti.

Qui puoi trovare tutte le informazioni riguardo al progetto “Humanae”.

Ti consiglio di seguirmi dall’inizio alla fine, ti prometto che al termine di questo articolo avrai ben chiaro il sottotono e magari, sarai anche in grado di decifrare il tuo una volta per tutte! Questi sono gli argomenti che tratteremo:

Indice

Dopo tante informazioni confuse, quello che devi fare è provare a ricominciare da qui, renderemo questo tema molto più semplice di quello che pensi.

1. Cos’è il sottotono della pelle?

Alzi la mano chi per anni ha cercato di avere delle certezze sull’argomento sottotono della pelle ma non ha mai capito una mazza…tranquillo non sei solo! Tutto quello che devi fare è goderti questa chiacchierata, inizierò con il porti una domanda:

Lo sai che il colore è composto da 3 elementi? Questi sono tonalità, luminosità e saturazione, che collaborando determinano le caratteristiche di un colore. Bene, adesso che lo sai, possiamo dedurre insieme che anche il colore della pelle è composto da elementi che lo caratterizzano e lo rendono unico.

Questi elementi in effetti sono 3 e seppur abbiano nomi diversi da quelli di origine, assumono significati molto simili, stiamo parlando di: tono, sottotono e sovratono.

Come sai ci dedicheremo al sottotono, ma non prima di aver chiarito in poche parole il ruolo degli altri due elementi che, insieme al sottotono, definiscono il colore della pelle. Dopodiché concentreremo il resto del discorso sul protagonista supremo.

Il tono:

É fondamentale che tu sappia che c’è un abisso di differenzatra tono e sottotono, si tratta di due componenti ben distinte che collaborando costituiscono il colore della pelle.

Il tono della pelle è molto semplicemente il grado di luminosità del colore, può essere da chiarissimo a scurissimo. Nel make-up preferiamo però semplificarci la vita distinguendo i toni in 3 macro gruppi: chiaro, medio e scuro. Non a caso sui prodotti a volte troviamo la dicitura:

  • Fair skin, che comprende tutte le tonalità adatte a pelli da chiarissime a chiare;
  • Medium skin, tonalità che vanno da carnagioni da medie a medio-scure;
  • Dark skin include quelle adatte a carnagioni scure e molto scure;
Come capire il sottotono della pelle
Credits: www.hln.be

Queste macro-categorie sono finalizzate ad indirizzare l’acquirente dandogli un’idea del grado di luminosità (chiaro-scuro) che possiede quel determinano prodotto.

Il tono della pelle varia da individuo ad individuo, a seconda della quantità di melanina determinata da fattori genetici ed inoltre, è quella componente che può cambiare nel corso della vita soprattutto in relazione all’esposizione solare.

Infatti il buon senso vuole che in inverno utilizzi un fondotinta più chiaro ed in estate ne acquisti uno più scuro. Lo fai vero? 😀

Il sovratono:

Sai perché non sempre riesci ad individuare il sottotono a primo impatto? Perché il nostro occhio in condizioni di luce naturale viene ingannato dal sovratono, ovvero il colore che percepiamo immediatamente quando guardiamo la pelle di una persona.

Del sovratono fanno parte rossori e discromie, che si trovano sulla superficie della pelle e può variare in base a tanti fattori.

come capire il sovratono
Ecco un sottotono alterato dal sovratono (il rossore superficiale della pelle)

Questo elemento del colore della pelle è ancora molto sconosciuto, ma in ogni caso non deve condizionarti in alcun modo in quanto, raramente corrisponde al sottotono e altrettanto raramente è utile per capire quali sono i nostri colori.

Per questo motivo ti consiglio di lasciar stare questo tema e di concentrarti piuttosto sulla ricerca del sottotono.

Il sottotono:

Finalmente giungiamo al re di questa giungla, l’elemento chiave, fondamentale da tenere in considerazione quando vogliamo scegliere i colori del make-up che ci valorizzano maggiormente, ma anche quello che si nasconde in maniera più subdola!

Possiamo definire il sottotono come “l’ombra” della pelle, una sfumatura che caratterizza una carnagione e ne determina la temperatura del colore.

Non a caso diciamo che il sottotono può essere: caldo, freddo o neutro (tra poco li conosceremo meglio).

Mentre il tono ed il sovratono possono cambiare in seguito a diversi fattori, il sottotono è una costante invariabile che rimane uguale per tutta la vita. Per cui rassegnati, se non ti piace il tuo sottotono sei spacciato!

Insomma riconoscere il tono o il sovratono è piuttosto semplice, riconoscere il sottotono invece può essere un grattacapo pazzesco, nonostante ciò, trovarlo può essere la svolta. Vuoi sapere perché? Prosegui la lettura.

1.2 Perché è utile capire il tuo sottotono?

Se hai mai avuto difficoltà a trovare il colore di fondotinta perfetto, probabilmente potresti risolvere il problema conoscendo il tuo sottotono ed imparando, ad identificare quello dei fondotinta.

Il segreto della ricerca del colore perfetto del fondotinta risiede proprio in questo, conoscere il proprio sottotono.

Uno degli obiettivi di centrare la corrispondenza tra il colore della nostra pelle e quello del fondotinta è evitare il temuto stacco di colore tra viso e collo. Uno degli “Orrori” di trucco più comuni, che vede protagonisti fondotinta non corrispondenti al sottotono della nostra pelle.  

Carnagioni dal sottotono neutro o freddo che indossano fondotinta con sfumature gialle mostreranno sempre una linea di demarcazione tra viso e collo; invece carnagioni dal sottotono caldo che utilizzano fondotinta con sfumature fredde renderanno la pelle cenere o grigia rendendo il colore più spento ed innaturale.

sottotono fondotinta
Questi make-up artist hanno fatto male i calcoli…

Se vuoi approfondire l’argomento leggi questo articolo!
Come scegliere il fondotinta: la guida per non sbagliare (anche online)

Tieni presente che anche i colori di blush, rossetti e ombretti vanno scelti in base al sottotono della tua pelle.

In poche parole se un colore non ti sta bene molto probabilmente è perché stona con il tuo sottotono.

Questo è il motivo più importante per il quale è necessario capire le sfumature della tua pelle, ma tra le altre cose identificare il tuo sottotono, può aiutarti anche ad acquistare abbigliamento ed accessori delle tonalità che ti donano di più.

Se ti ho convinto abbastanza prosegui la lettura e vediamo insieme quali sono i vari tipi di sottotono che esistono e quale tra questi ti appartiene!

2. Quanti tipi di sottotono esistono?

Come abbiamo già anticipato il sottotono è un’ombra della pelle che caratterizza una carnagione e ne determina la temperatura, ovviamente solo a livello percettivo. Già sarai a conoscenza del fatto che i colori si distinguono in due grandi famiglie: caldi e freddi.

Ma come si riconoscono? Questi sono classificati come tali, in base alla sensazione di movimento che trasmettono al cervello.

Colori caldi e freddi

Per la precisione:

  • I colori caldi sono quelli compresi nella gamma cromatica che va dal giallo al rosso, sono chiamati caldi perché li associamo al sole e al fuoco e trasmettono dinamismo, passione, irruenza;
  • Quelli freddi sono tutti quei colori che rientrano nella gamma cromatica che va dal verde al viola e sono chiamati freddi perché ricordano il colore del ghiaccio e del cielo e al contrario dei precedenti, ci trasmettono serenità, pace e purezza.

La mente umana quindi percepisce alcuni colori come la massima espressione del freddo o del caldo. I colori sono tantissimi ma quelli che ci interessano nel contesto “sottotono della pelle” sono:

  • Giallo/Arancione = colori caldi
  • Rosa/Blu/verde/grigio = colori freddi

Questi sono, grossomodo, i colori che da ora in poi terremo in considerazione per determinare se il tipo di sottotono è caldo, freddo o neutro.

Sappi però che tutti i colori che esistono possono essere caldi o freddi in base a come vengono miscelati, ad esempio anche un giallo può essere freddo se al suo interno presenta dei pigmenti blu.

Ma non è questo il contesto in cui introdurre l’argomento per cui lo affronteremo in un prossimo articolo! Vediamo i vari tipi di sottotono della pelle più da vicino.

2.1 Sottotono della pelle caldo

Perché si dice sottotono della pelle caldo? Ecco che subentrano i nostri colori.

Si dice sottotono caldo per la predominanza di pigmenti gialli e arancioni che lo caratterizzano. Quando si parla di pelle però è difficile pensare al giallo e all’arancione come pigmenti puri, infatti siamo soliti utilizzare i termini “dorato, pescato, ambrato“.

Chissà quante volte lo avrai già sentito no? Eppure riuscire a notare queste sfumature sulla tua pelle ti sembra sempre così difficile.

Hai ragione, non è colpa tua, riuscire a notare questi pigmenti non è mica facile! L’impatto visivo ci fa associare la pelle sempre al colore rosa (almeno per quanto riguarda la pelle chiara) perché questa é alterata dalla presenza di vasi sanguigni sottostanti.

Nonostante ciò, il rosa può assumere una tendenza dorata, pescata o ambrata.

carnagione pescata ambrata dorata
Foto: “Humanae Projects” by Angélica Dass

La stessa cosa succede per le pelli medie e scure, che stavolta non associamo più al rosa ma al marrone o al marrone scuro. Anche in questo caso non ce ne dobbiamo fare una colpa, in quanto stavolta a nascondere il sottotono è proprio il tono della pelle, che avendo un grado di luminosità più basso camuffa ancora meglio i pigmenti “ombra” che lo caratterizzano.

Per cui anche stavolta vedere queste sfumature dorate o ambrate sembra un’impresa! Tuttavia con un po’ di allenamento, riuscirai a percepirli in qualsiasi carnagione, a meno che non si tratti di un sottotono tanto neutro (a questo ci arriviamo tra poco).

Solo le carnagioni scure hanno un sottotono caldo?

Per abitudine o semplicemente istinto/sensazione, associamo il sottotono caldo solo alle popolazioni di paesi caldi e soleggiati e per lo più a carnagioni medie e scure.

Sbagliamo? Ovviamente si. Queste sono tutte carnagioni contenenti una percentuale di pigmenti gialli e arancioni e come puoi notare hanno tonalità della pelle molto diverse tra loro.

com'è il sottotono della pelle freddo
Foto: “Humanae Projects” by Angélica Dass

NON É MAI IL TONO DELLA PELLE A DETERMINARNE IL SOTTOTONO.

Una carnagione media, scura o molto scura può avere qualsiasi tipo di sottotono. Certo è che il sottotono caldo o neutro caldo è molto più comune e diffuso di quello freddo.

2.2 Sottotono della pelle freddo

Al contrario, un sottotono freddo avrà una predominanza di pigmenti rosa, blu, grigi e verdi, identificati come per l’appunto colori freddi. In questo caso c’è un colore familiare che associamo più facilmente alla pelle ovvero il rosa che riusciamo a distinguere molto più facilmente.

Ma come si identificano nella pelle il blu, il grigio e il verde?

Anche in questo caso non vedremo mai chiaramente questi pigmenti, dato che sono miscelati ad altri elementi come il tono ed il sovratono. Ci sono però dei chiari segnali che ci comunicano la loro presenza:

  • Hai una pelle piuttosto spenta e priva di saturazione = pigmenti grigi e verdi
  • Hai una pelle dal colore brillante e luminoso = pigmenti blu e rosa
Carnagione rosata olivastra
Foto: “Humanae Projects” by Angélica Dass

Solo le carnagioni chiare hanno il sottotono freddo?

Quando si parla di sottotono freddo solitamente ripetiamo l’errore di associare questa tipologia di sottotono per lo più alle popolazioni nordiche dalla pelle molto chiara, ma come ti ho già specificato non è il tono della pelle ad influenzare il sottotono.

Anche carnagioni medie o scure, possono avere un sottotono freddo e questo si manifesta per lo più con una pelle spenta e desaturata. Nelle seguenti carnagioni prevalgono pigmenti grigi, verdi, blu e rosa.

com'è il sottotono della pelle freddo
Foto: “Humanae Projects” by Angélica Dass

Sicuramente le persone dalla pelle chiara hanno una probabilità maggiore di avere un sottotono freddo ma la percentuale rimane comunque molto bassa, il sottotono freddo tra l’altro è quello meno diffuso.

2.3 Sottotono della pelle neutro

Quando non riesci assolutamente ad associare il tuo sottotono ad un colore caldo o freddo, vuol dire semplicemente che ne hai uno neutro!

Un mix di pigmenti al 50% caldi e al 50% freddi che si annullano totalmente, danno origine al sottotono neutro. Ma oserei dire che il sottotono neutro assoluto in realtà non esiste o comunque, è davvero molto raro.

Questo neonato sembra avere un sottotono neutro assoluto, ma se provi a guardare le sue orecchie puoi notare una leggera sfumatura gialla, questo è uno di quei casi in cui il sottotono si nasconde davvero molto bene!

sottotono neutro
Foto: “Humanae Projects” by Angélica Dass

Per quanto un sottotono possa sembrare neutro, ci sarà sempre una percentuale di pigmento giallo o rosa maggiore, che farà diventare quel sottotono neutro-caldo o neutro-freddo.

come si capisce il sottotono neutro?
Foto: “Humanae Projects” by Angélica Dass

Tali tipologie di sottotono sono tra l’altro le più diffuse, ed è anche per questo, che è difficile identificare immediatamente un sottotono.

Le seguenti carnagioni hanno tutte un sottotono neutro-caldo o neutro-freddo e guardando la loro pelle, senza considerare lo sfondo pantone, risulta più difficile identificare i pigmenti ombra che nasconde la loro pelle.

Come identificare il sottotono neutro?
Foto: “Humanae Projects” by Angélica Dass

Cosa vuol dire avere la pelle olivastra?

Quando abbiamo parlato di sottotono freddo abbiamo accennato ad un pigmento particolare, il verde. Ovviamente questo pigmento quando è presente nella pelle si nasconde molto bene e, viene solitamente accompagnato da una percentuale di pigmenti gialli o grigi, che insieme danno vita ad un sottotono particolarissimo definito “olivastro”.

Come avrai potuto percepire dal nome, olivastro fa pensare alle olive ed in effetti, il sottotono olivastro dona alla pelle un vago colore verdognolo che ricorda quello delle olive verdi.

Il sottotono olivastro non è una categoria a parte e può essere assegnata a quella del sottotono caldo o a quella del sottotono freddo, in relazione ai pigmenti che lo accompagnano.

Il pigmento verde può essere accompagnato dal giallo e dal grigio.

  • Quando viene accompagnato da una percentuale maggiore di giallo diventa un sottotono olivastro caldo;
    
  • Quando viene accompagnato da una percentuale maggiore di grigio diventa un sottotono olivastro freddo.
Cosa vuol dire avere la pelle olivastra?
Foto: “Humanae Projects” by Angélica Dass

Come abbiamo già avuto modo di capire i pigmenti gialli riscaldano l’incarnato, donando alla pelle olivastra un’ombra dorata che la rende calda e luminosa. I pigmenti grigi invece sono colori freddi che quando predominano nel sottotono spengono la pelle olivastra facendola sembrare palesemente fredda e priva di luminosità.

Il sottotono olivastro, al contrario di come si crede, raramente è caldo, solitamente vira al grigio ed infatti va sempre sapientemente illuminato con il make-up, al fine di non far sembrare la pelle troppo spenta.

Adesso che hai ben chiaro quali sono le tipologie principali di sottotono non ti resta che riconoscere il tuo!

3. Come identificare il tuo sottotono

Adesso che hai le idee più chiare di fronte alle varie tipologie di sottotono, identificare il tuo sarà molto più semplice di come ti sembrava quando hai iniziato a leggere questo articolo. Siamo arrivati al punto in cui bisogna passare all’azione e lo faremo mettendo in pratica dei metodi consigliati persino da esperti di armocromia.

Alcuni sono già molto diffusi e ne avrai sicuramente sentito parlare, altri saranno nuovi per te, in ogni caso ti anticipo che adottare uno solo di questi metodi non risponderà alla tua domanda in modo soddisfacente.

Per avere un’affidabilità maggiore ti consiglio di provarne più di uno o meglio tutti. Quello che dovrai fare è annotare di volta in volta, quante volte ottieni l’uno o l’altro risultato. Alla fine, tramite il resoconto delle risposte, potrai valutare se hai un sottotono prevalentemente caldo, prevalentemente freddo o neutro.

Io eseguirò il mio test insieme a te, annotando su un foglio il numero di volte che ottengo la risposta sottotono caldo o sottotono freddo, alla fine scopriremo insieme il risultato. Cominciamo subito!

Accosta un foglio bianco al viso

Prendi un pezzo di carta bianca e mettiti davanti ad una finestra esposto alla luce naturale, la luce dovrà essere abbastanza intensa. Assicurati di aver spento tutte le luci della stanza, le lampadine possono influenzare il colore generale della tua pelle.

Se hai la possibilità ti consiglio di farlo fuori casa per avere una luce ancora più affidabile.

A questo punto tieni il pezzo di carta all’altezza di viso e collo, guardati con uno specchio e considera il colore della pelle che va tra la mascella ed il collo perché solitamente è la parte del viso meno colpita dai rossori:

se la tua pelle sembra rosata in confronto al foglio hai un sottotono freddo, se invece il tuo viso sembra più dorato, il tuo sottotono è caldo. Se non noti alcuna predominanza di colore potresti avere un sottotono neutro.

Puoi fare lo stesso test utilizzando una camicia bianca!

In questo test io ho utilizzato il foglio e accostandolo al viso ho notato che la mia pelle appare più giallina rispetto al bianco puro del foglio, per cui assegnerò un punto a favore del sottotono caldo. Procediamo con il prossimo hack!

test del sottotono
Credits: officialkoreanfashion.blogspot.com

Prova gioielli dorati e argentati

Se hai notato di stare meglio con orecchini, bracciali e collane argentati piuttosto che dorati, un motivo c’è! Alcune persone si vedono volgari indossando dei gioielli dorati, altre persone al contrario li amano e non potrebbero indossare altro.

Questo accade perché le persone dal sottotono caldo stanno obiettivamente meglio con gioielli d’oro giallo o e oro rosa e le persone dal sottotono freddo, stanno meglio con gioielli d’oro bianco e argento. Se invece ti donano allo stesso modo entrambe le tipologie di gioielli, hai un sottotono neutro.

Questo test può essere influenzato dai tuoi gusti personali per cui ti consiglio di indossare un orecchino dorato da un lato e uno argentato dall’altro, per poi farti dare un giudizio da più persone.

Io conosco il risultato di questo test da una vita! Gran parte dei miei gioielli sono dorati o ramati, ho sempre pensato che mi donassero di più, nonostante io riesca ad indossare anche quelli argentati. Tuttavia devo assegnare un secondo punto per il sottotono caldo. Continuiamo!

Come trovare il tuo sottotono
Credits: lulus.com

Com’è la tua pelle abbronzata?

Penso che questo sia il metodo più semplice ma anche uno dei più validi insieme al precedente! Quando ti abbronzi, come abbiamo specificato all’inizio dell’articolo, cambia il tono della tua pelle che tende a scurirsi.

Quello che rimane invariato è il tuo sottotono, tuttavia l’abbronzatura può aiutare a farlo emergere.

Se in condizioni di luce naturale noti che questa assume un aspetto dorato e saturo hai un sottotono della pelle caldo, se invece tende al marrone spento o al rosso mattone, il sottotono è più freddo.

Se attualmente non hai la possibilità di valutare la tua abbronzatura dal vivo spulcia le vecchie foto dell’ultima estate al mare e osserva bene la tua pelle. Sappi che la fotocamera altera i colori, per cui prendi questo dato con le pinze e ricordati di osservare la tua abbronzatura dal vivo quando ne avrai occasione.

Io attualmente non sono affatto abbronzata, ma delle estati scorse ricordo la mia pelle appena dorata e mai troppo spenta. Terzo punto per sottotono caldo.

carnagione dorata
Credits: pearlandcheecks.com

Considera il colore di orecchie e labbra

Un altro metodo molto valido che utilizzo sempre su due piedi, è osservare il colore delle labbra e delle orecchie ebbene si vi guardo le orecchie! La parte più affidabile delle orecchie è però il retro, che ha pochi vasi sanguigni rispetto al resto del viso e non è quasi mai influenzato da rossori vari (famosissimo sovratono).

Oltre a ciò ti consiglio di valutare il colore delle labbra in condizioni sane (no labbra screpolate o mordicchiate). Le labbra infatti sono un ottimo indicatore di sottotono che puoi utilizzare soprattutto se hai la pelle molto scura.

Quindi se il retro delle orecchie ha un colore giallino/dorato e le labbra sono color pesca o albicocca hai probabilmente prevalenza di pigmenti caldi. Se il retro delle orecchie ha un colorito roseo e le tue labbra hanno tendenza rosa/viola o rosso bordeaux hai prevalenza di pigmenti freddi.

Il retro delle mie orecchie è leggermente giallino, ma le mie labbra sono più rosate, per cui devo assegnare due punti differenti. Siamo 4 a 1 per sottotono caldo.

come capire il tuo sottotono

Occhi e capelli al naturale

Com’è il colore naturale dei tuoi capelli? Non è detto che tu abbia un sottotono caldo se sei mora o un sottotono freddo se sei bionda, sarebbe stato tutto più facile!

  • Se sei: rossa, biondo dorato o ramato, castano dorato o ramato hai più probabilità di avere un sottotono caldo.
  • Invece se sei: biondo platino, castano cenere o castano scurissimo tendente al nero potresti avere un sottotono neutro o freddo.

Anche il colore degli occhi può darti qualche indizio a riguardo. Gli occhi azzurri tendenti al ghiaccio o comunque molto chiari aumentano la probabilità di avere un sottotono più freddo, così come chi ce li ha marrone scurissimo. Se hai occhi nocciola o marrone chiaro con la presenza di sfumature dorate, molto probabilmente potresti tendere più ad un sottotono caldo.

Questo è uno dei metodi che adotto di meno per capire il sottotono della pelle, ma è fondamentale per valutare quali colori di ombretti possono valorizzarti maggiormente.

In questo caso io ho i capelli di un castano abbastanza scuro con riflessi ramati (naturali) e gli occhi azzurri/verdi. Devo assegnare un punto per ciascuno dei due, quindi siamo a quota 5-2 per sottotono caldo.

carnagione calda
Credits: weheartit.com

Procurati dei campioncini di fondotinta

Se il tuo scopo principale è trovare il giusto colore di fondotinta, il metodo migliore è quello quello di procurarti dei campioncini possibilmente della stessa tipologia e tutti con la stessa tonalità, ma con sottotono caldo, freddo e neutro.

A questo punto crea degli swatches tra collo e mascella affiancandoli, in questo modo puoi chiaramente vedere qual è quello più simile alla tua pelle, una volta identificato sfumalo e se scompare del tutto hai trovato il tuo sottotono.

Se continui a notare uno stacco di colore valuta se il prodotto è troppo giallo o troppo rosa. Nel primo caso puoi provare a miscelarlo con il campioncino dal sottotono più freddo, se è troppo rosa lo miscelerai a quello dal sottotono più caldo, cercando di avvicinarti il più possibile al tuo colore.

Ti metto in guardia: può succedere che i brand (soprattutto quelli economici) facciano dei pasticci e che qualche sottotono non corrisponda alla realtà, per cui, quando devi fare una prova del genere, procurati dei campioncini di un marchio affidabile che abbia una gamma colori estesa e ben studiata.

Nel mio caso il fondotinta che corrisponde perfettamente al colore della mia pelle il più delle volte ha un sottotono neutro-caldo, il che rispecchia perfettamente il risultato del mio test.

come trovare il colore del fondotinta
Credits: glamourwithchristine.com

Ho ottenuto: 5 punti per sottotono caldo e 2 punti per sottotono freddo, questo mi indica che ho una prevalenza di pigmenti gialli, ma un’ influenza di pigmenti rosati, per cui sono un sottotono neutro-caldo!

E tu, che sottotono sei?

Voglio ricordarti che questi sono dei metodi molto semplici e basici, ricorda che i colori della pelle sono davvero infiniti e riuscire ad individuare il proprio sottotono può essere difficile, ma non impossibile!

Siamo giunti alla fine di questo articolo, spero di averti aiutato e di aver chiarito le tue idee. Se ti è piaciuto l’articolo e lo hai trovato interessante non dimenticare di condividerlo con i tuoi amici e di provare a fare insieme questo test!

Ti ringrazio per avermi tenuto compagnia, ci vediamo in un prossimo post!

Un bacio, Monia.

Entra a far parte della community di BeautyPills per ricevere aggiornamenti sui nuovi articoli.