Credits: @pinterest

I pennelli migliori per una stesura perfetta!

Ciao ragazze! Oggi andremo a conoscere tutti i pennelli dedicati alla stesura di un fondotinta.
Partiamo dalla concezione che, non esiste una tipologia di pennello considerato migliore per la stesura del fondotinta, ciò che fa la differenza è il tipo di fondo che andiamo ad applicare, il nostro tipo di pelle e il nostro gusto personale! Ogni consistenza, infatti, richiede un tipo di pennello diverso. Ma non è tutto, in base al pennello, si determinerà anche la coprenza e l’effetto finale sulla pelle. Per cui vediamo insieme come orientarci!

Pennello a lingua di gatto

Il primo di cui vi voglio parlare è il classico pennello piatto, a lingua di gatto, che veniva utilizzato fino a pochi anni fa e in effetti, non ho mai capito il perchè…
Non mi ha mai dato soddisfazione, è scomodo da utilizzare, è troppo piccolo per il viso, spesso lascia fastidiose striature e porta via un sacco di tempo! Se proprio devo utilizzarlo, preferisco farlo solo per applicare il prodotto nei vari punti del viso per poi proseguire alla stesura vera e propria con una spugnetta. Oppure può rivelarsi utile per applicare il correttore in modo più preciso. Ecco questi sono gli unici due usi che riesco ad attribuire a questo pennello. Ovviamente è un punto di vista del tutto personale, posso solo dire che NON è uno strumento che utilizzerei!

Pennelli ovali

Sono dei pennelli che, ricordano un po’ la forma delle spazzole, sono ovali e hanno un manico, a setole molto fitte, ne possiamo trovare di varie dimensioni. C’è chi lo ama e chi lo odia, io sono nel mezzo! Nel senso che questo pennello essendo abbastanza duro rispetto alle altre tipologie di pennelli, potrebbe andare ad irritare eventuali brufoli infiammati, o pelli molto sensibili e secche. Per questo motivo non lo preferisco. C’è però da dire che accentua la coprenza di un fondotinta e rende la stesura rapida. È perfetto in combo a fondotinta belli corposi, in quanto le sue fitte setole garantiscono una perfetta stesura di prodotti anche più densi. Lo si usa prelevando poco prodotto alla volta dal dorso della mano, e si va a compiere un movimento rotatorio sul viso, motivo per cui le setole “dure” potrebbero irritare. Non lo utilizzerei con fondi molto liquidi, effetto pelle nuda, per questi fondi infatti preferisco altri tipi di pennelli che ora vedremo.


Makeup Revolution – Pro Precision Brush oval Cheek
Credits: @thelifeofabee

Pennelli da cipria o da bronzer

Può sembrare strano ma anche questi pennelli possono stendere perfettamente un fondotinta, in particolare sono fantastici per ottenere un effetto fresco e naturale, in combinazione quindi con fondotinta molto liquidi o a base acquosa. Basterà prelevare anche qui poco prodotto per volta sporcando tutta la circonferenza del pennello, poi con leggeri movimenti rotatori e “avanti e dietro” sfumiamo il fondotinta sul nostro viso. Non bisogna pressare il pennello , altrimenti le setole, che sono molto morbide, si schiacceranno. Alla fine otterremo una coprenza leggera ed un effetto pelle nuda, un metodo top se non si hanno particolari imperfezioni da coprire.

ATTENZIONE: Non proviamo ad utilizzarli con fondi molto densi, perché le setole morbide non saranno in grado di stendere il prodotto.

Buffing brush

Il buffing brush ha delle setole più o meno fitte, ed è meraviglioso se utilizzato con un fondotinta cremoso, quindi ottimo con delle consistenze corpose. La stesura risulta super veloce e molto omogenea, non lascia striature e lo si usa sempre compiendo movimenti rotatori. Nonostante questo, mi piace usarlo anche con fondotinta più leggeri, fondotinta minerali o compatti, insomma questo per me rappresenta il pennello universale. Si ottiene in genere una buona coprenza, sempre in base al fondo che andiamo ad applicare, ci permette di stratificare il prodotto laddove ne abbiamo bisogno.

Kabuki e Flat Kabuki

I kabuki rientrano tra i miei preferiti, in particolare il flat kabuki per me primo in classifica, unicamente per gusto personale.
Il CLASSIC KABUKI si presenta come un pennello a forma di cupola, con setole soffici, naturali o sintetiche, adatto in particolare per la stesura di fondotinta in polvere libera o terre. La sua fama crebbe proprio in contemponea alla nascita dei fondotinta minerali,  il kabuki infatti assicura una stesura uniforme, grazie alle sue setole che assorbono la polvere e poi la rilasciano man mano che eseguiamo movimenti rotatori sul viso. Il risultato sarà molto naturale ed omogeneo, molto molto bello.

Il FLAT KABUKI invece si differenzia per avere anch’esso delle setole molto fitte ma piatte, la grandezza del pennello varia a seconda del brand, in generale meglio preferire quelli di grandezza media per arrivare in tutti i punti del viso. Lo si usa quando si vuole ottenere un effetto pieno ed omogeneo sul viso. Le sue setole fitte permettono infatti di levigare molto bene i pori, si può utilizzare con qualsiasi tipo di fondotinta, con movimenti rotatori oppure, andando a picchiettarlo laddove si desidera maggior coprenza, io alterno i due metodi a seconda delle esigenze nelle varie zone del viso.

Ragazze questi sono tutti pennelli che possono aiutarci nella stesura di un fondo, come abbiamo visto è la disposizione e la forma delle setole a fare il grosso della differenza. E voi avete già trovato il vostro must have tra i pennelli? Oppure il vostro grande amore rimane la spugnetta? Infondo la parte bella del make-up è anche quella di sperimentare, quindi non abbiate timore, pennelli alla mano, spennellare e poipulire, mi raccomando! Ci rivediamo presto con le prossime Beauty Pills!