https://www.instagram.com/p/BkPTMxJh9tF/

Tutte le Beauty Pills da sapere per una pelle bella e luminosa in vista della bella stagione!

Buongiorno a tutte e bentornate per una nuova pillola di bellezza! Vi va di scoprire insieme qualche chicca skincare per affrontare al meglio i primi caldi? Se avete bisogno di consigli non perdetevi questo articolo!

Finalmente è arrivata la primavera, dopo le temperature rigide dell’inverno la pelle potrebbe apparire spenta e grigiastra e ha bisogno di qualche attenzione in più per poter tornare a splendere. Cambia la stagione, cambiano le esigenze della pelle e quindi è bene adattare la skincare, vediamo insieme gli step fondamentali per risvegliare la nostra pelle.

La detersione come primo passo

Iniziamo dando priorità alla skincare routine di base e quindi ovviamente la detersione ne rappresenta il pilastro, purificare tutti i giorni la superficie epiteliale è fondamentale per rimuovere accumuli di polvere, smog, sebo e sporcizie varie. I detergenti più adatti in questo periodo possono essere molteplici e possono variare a seconda dell’obiettivo che vogliamo raggiungere. Per una pelle particolarmente reattiva e sensibile il mio consiglio è quello di optare sempre per un detergente delicato, idratante, che non vada ad alterare il film idrolipidico della pelle.

Se invece la pelle non presenta particolari problematiche di ipersensibilità e lo scopo è effettuare un processo di rinnovamento cellulare, possiamo utilizzare detergenti a base di acidi, come quello all’acido glicolico, che ha potere esfoliante, iniziando così ad effettuare il processo di peeling che ci aiuterà a rinnovare gli strati superficiali della pelle. Consiglio però di utilizzare questo tipo di detergente solo la sera, in quanto trattandosi di un acido con potere esfoliante la pelle potrebbe sensibilizzarsi e scottarsi facilmente se non adeguatamente protetta, anche se generalmente la percentuale di acidi in cosmetici di uso comune è mantenuta molto bassa (tra il 5 e il 10%) non sono prodotti da sottovalutare.

Il tonico, un importante plus per la primavera

Io amo utilizzare il tonico durante tutto l’anno, ma credo che la primavera sia una di quelle stagioni che lo richiedono in modo categorico.
Perchè? Perchè esiste una grande varietà di tonici che possono venirci in aiuto per risvegliare la pelle. Se ad esempio volessimo strutturare una skincare che ha come obiettivo il processo di rinnovamento cellulare, potremmo affidarci a tonici all’acido salicilico o all’acido glicolico, che se utilizzati dopo la detersione possono davvero fare la differenza e migliorare visibilmente la grana e la luminosità della pelle.

Come precedentemente detto questo tipo di acidi hanno un potere esfoliante, effettuano un peeling chimico aiutando ad eliminare parte delle cellule morte che si accumulano. Inoltre questi acidi riescono ad agire su macchie da brufolo, piccole rughette, imperfezioni e acne, proprio grazie al loro potere rigenerante. Ma come precedentemente accennato è preferibile effettuare questi trattamenti a base di acidi, solo per una skincare serale.
Se non vogliamo proseguire con l’idea dell’esfoliazione per via di una pelle problematica e sensibile, possiamo affidarci a tonici multivitaminici, alla vitamina C o tonici a base di frutti antiossidanti che hanno un potere illuminante e schiarente, infatti agiscono su eventuali macchie, luminosità, radiosità e regalano un boost energizzante al viso facendolo apparire tonico e fresco!

La crema idratante cambia texture

Eh si, in vista del caldo non possiamo utilizzare la stessa crema ricca e corposa dell’inverno, altrimenti rischiamo di causare eccessiva sudorazione e iperproduzione di sebo, soprattutto in presenza di pelli miste e grasse. Le texture da favorire in questo periodo e nei giorni a venire, sono sicuramente delle creme in gel a rapido assorbimento più o meno leggere, capaci di conferire idratazione immediata, senza appesantire ed occludere i pori, soprattutto quando utilizzate prima del make-up. Possiamo seguire la scia del boost energizzante adottando una crema multivitaminica o a base di caffeina come questa fantastica crema energizzante di Origins.

Oppure possiamo optare un idratante dalla texture leggerissima e a rapido assorbimento, che potremmo anche arricchire con un siero alla vitamina C, per un tocco immancabile di luminosità.

Per la notte invece è sempre meglio preferire una crema più ricca, per garantire la massima idratazione e poterci risvegliare con viso rimpolpato e levigato, quindi magari utilizzeremo la stessa crema che di inverno potevamo utilizzare tranquillamente come crema da giorno.
Lo stesso discorso vale per la crema contorno occhi che va sempre utilizzata sia di giorno che di notte, ma preferendo appunto texture più leggere per il giorno e texture più corpose per la notte.

Quindi per quanto riguarda la crema idratante da adottare è fondamentale ascoltare le richieste della nostra pelle e scegliere la texture che più si adatta alle esigenze attuali.

Gli scrub per esfoliare

Passiamo ora alla skincare integrativa e parliamo di quei prodotti che non vanno utilizzati tutti i giorni ma che sono fondamentali nel dare una spinta a tutti gli altri. Tra questi prodotti emerge lo scrub, indispensabile in vista della primavera, ne esistono anche in questo caso di vari tipi e va scelto il base alla tipologia di pelle. Gli scrub a base di acidi esfolianti sicuramente ci aiuteranno a velocizzare il rinnovamento dello strato superficiale della pelle, perchè andranno ad effettuare un peeling chimico grazie all’azione degli acidi e meccanico grazie alle particelle scrubbanti che sollevano le cellule morte dalla superficie, stimolando in processo di rinnovamento cellulare e quindi agendo anche come anti-aging.

Se invece volessimo adottare uno scrub più delicato per pelli sensibili, possiamo ricorrere a scrub idratanti e magari con una grana molto fine, che avranno lo stesso potere rinnovatore ma ovviamente meno intenso.

Sicuramente di qualsiasi scrub si tratti, la sua funzione sarà comunque quella di eliminare le cellule morte e dare spazio a una nuova superficie epiteliale più luminosa e radiosa. Gli scrub vanno fatti da 1 a 3 volte a settimana, a seconda della tipologia di pelle e a seconda della risposta della pelle, potrebbero infatti risultare aggressivi in condizioni di ipersensibilità. Io lo effettuo non più di 2 volte a settimana e poi proseguo con un trattamento lenitivo.

Le maschere per restituire idratazione

Da non sottovalutare assolutamente sono le maschere idratanti, dopo tutti questi trattamenti mirati ad esfoliare e rinnovare le cellule, abbiamo bisogno di reidratare la pelle per non ottenere reazioni avverse. Avendo infatti “stressato” la pelle con le esfoliazioni, dobbiamo lenire e restituire acqua alle cellule. In questo periodo sono perfette le maschere in tessuto, che riescono a penetrare in profondità per un effetto idratazione immediata. Oppure è efficace anche utilizzare maschere in crema da tenere sul viso per tutta la notte.

SPF come scudo protettivo

Una pelle “nuova” emersa grazie ai trattamenti di peeling ha bisogno di essere protetta dai raggi UV, anche quando il cielo è nuvoloso o non non ci esponiamo direttamente al sole, è vitale creare una barriera per proteggere questo strato superficiale completamente rinnovato. Bisogna utilizzare una protezione alta o molto alta, in base al fototipo e non scendere mai al di sotto di una protezione 30. Si potrebbe considerare superfluo utilizzare una crema ad alto fattore protettivo in città soprattutto in primavera e invece è proprio in questa fase che rischiamo la formazione di macchie della pelle. Se decidiamo di effettuare questa tipologia di trattamento esfoliante, oppure assumiamo antibiotici o ancora abbiamo parecchie macchioline post brufoli è necessario uno schermo solare. Quindi consiglio di utilizzare sempre una crema con SPF alto, al posto di quella idratante se andiamo in giro nelle ore diurne.

Personalmente questo è il periodo in cui amo i trattamenti mirati ad esfoliare ed illuminare, quindi cerco sempre di strutturare la mia skincare con prodotti adatti a questo scopo, senza però strafare nell’utilizzo di acidi esfolianti per non provocare altri tipi di danni. Infatti è importantissimo bilanciare questa tipologia di prodotti per far si che non risultino aggressivi, l’ideale per la primavera insomma è cercare il giusto compromesso tra una skincare esfoliante e multivitaminica/idratante. Una pelle rigenerata sarà più predisposta all’abbronzatura, che apparirà sicuramente più bella ed omogenea, mi raccomando nessuna esposizione al sole durante questo tipo di trattamenti! Questa è una skincare che va stoppata almeno 20 giorni prima delle nostre vacanze al mare. Ma anche se siamo in città, utilizziamo SEMPRE un fattore di protezione solare, per poter proteggere al meglio la pelle da un precoce invecchiamento!

Ragazze come avete visto gli ingredienti principe di una skincare rigenerante sono gli acidi e sicuramente l’immancabile vitamina C, conoscevate già questo argomento o avete imparato chicche interessanti? Questo è tutto quello che c’è da sapere sulla skincare di primavera! Spero che troviate utili i miei consigli, se non avete mai provato prodotti esfolianti vi consiglio di iniziare il prima possibile. Vi saluto, ci rivediamo prestissimo per le prossime Beauty Pills! Un bacio!!